Pasqua a Enna

foto Mara Trovato

La settimana santa a Enna è coinvolgente vista la sentita e concreta partecipazione delle dieci confraternite presenti nella città.

I festeggiamenti iniziano la domenica delle Palme con la distribuzione e la benedizione dei rametti d’ulivo e delle palme.

La partecipazione delle confraternite comincia nella processione del mercoledì santo, quando i simulacri del Cristo e dell’Addolorata sono portati a spalla; le statue sono abbellite dai doni offerti dai fedeli.

Il giovedì santo i membri delle confraternite sono vestiti in modo particolare: hanno un saio ed un cappuccio con i coloripropri della propria confraternita; alcuni di loro trasportano dei ceri e delle torce ed hanno il compito di accopagnare le due vare in processione fino a notte fonda; i confrati hanno anche il compito di portare i propri stendardi e dei vassoi con dei simboli del martirio del Cristo, vassoi che poi saranno depositati ai piedi dell’altare del duomo cittadino.

Il venerdì santo i confrati si ritrovano nel Duomo dove sono stati riposti i due simulacri, pronti per ripartire per una nuova processione che durerà fino a notte fonda, per poi rientrare nel Duomo.

La domenica di Pasqua si ha l’incontro tra la Madonna ed il figlio risorto, evento che attua la scomparsa del dolore e l’arrivo della festa.